Impresa in perdita: Sentenza Corte Cassazione 5.12.2012, n. 21810

È legittimo l’accertamento induttivo nei confronti di un’impresa che presenta, per diverse annualità, bilanci in perdita, “ma che ha un ottimo andamento aziendale, confermato dalla consistenza degli acquisti di beni destinati alla rivendita e dagli oneri sostenuti per il personale dipendente”. La regolarità delle scritture contabili non vieta all’Ufficio di considerare anomala la condotta commerciale dell’impresa che presenta un notevole divario tra costi e ricavi.